Filippo Nardi

Filed under Home, I Dj, Slider

FILIPPO NARDI

Biografia:

Quando la musica scorre sottopelle come linfa vitale, è inevitabile affrontare la consolle con passione e magnetismo. Così Filippo Nardi vive da più di vent’anni la sua attività di dj e produttore musicale, alternando la registrazione di produzioni discografiche per diverse etichette a collaborazioni di prestigio come quelle con dj di fama internazionale quali CJ Macintosh e Dave Dorrell al Wag di Londra, Paul Oackenfold e Carl Cox alla serata Spectrum dell’Heaven (Londra), Fat Tony e Paul Anderson all’Enter The Dragon (Londra) (visto che ho messo di seguito la parte sui locali forse qui vanno eliminati, altrimenti risulta un po’ ridondante).

Tracciare una mappa dei luoghi in cui Filippo Nardi ha suonato, esaltato, coinvolto il pubblico, significa spaziare per tutto il mondo, soffermandosi nelle realtà musicali più innovative e stuzzicanti: New York, Berlino, Miami, i molti locali londinesi in cui il dj ha iniziato negli anni ’80 – Heaven, Enter the dragon, Spectrum, The wag, Subterranea –, il Pacha di Ibiza e, sul territorio italiano, White (Genova), Dome e Tytoo (Catania), Lift at Toqueville (Milano), Loft (Roma), Ultraviolet (Teramo), Mazoom (Sirmione – Brescia), Kursaal (Lignano Sabbiadoro), Tenax (Firenze), Velvet (Napoli).

Dagli album Understand this groove e Changes, realizzati nel biennio 88/89 per la Virgin 10 con lo pseudonimo The UFI (The Universal funk industry) a L.O.V.E is the message e Love Inc per la Phonogram records, Filippo ha confermato la propria vocazione alla sperimentazione e alle invenzioni camaleontiche. Doti acquisite già dagli anni ’80, quando iniziò l’attività musicale nello sfaccettato e poliedrico contesto della subcultura underground londinese.

Nato nel ’69 in un quartiere multietnico della capitale britannica ad alto tasso di ibridazione artistica e culturale, Filippo cresce respirando e immergendosi nella nascente scena house, apprezzando così le contaminazioni tra la musica elettronica e generi quali il reggae, il soul e la new wave.  La sua passione per le sonorità di ricerca è talmente sincera da indurlo, nel 1993, a ritirarsi dal mondo della discografia e dei locali: il desiderio di dar forma a sound esplorativi e audaci si ritrova difatti in netto contrasto con la crescente ed eccessiva commercializzazione della house-music e di quella subcultura underground che egli ritiene fondamento delle sue radici musicali e personali. Di poco seguente, 1995, é lo spostamento verso l’Italia dove, dopo una pausa tesa a ritrovare pluralità di linguaggio e creatività, Filippo riabbraccia l’attività artistica seguendo molteplici percorsi.

Con il nome di The Melody Maker realizza,  per la Revox Records , Torch: reinterpretazione di una delle sue canzoni preferite dei Soft Cell. Il progetto vede, tra l’altro, il contributo dei Margo, gruppo emergente estremamente stimato nell’ambito underground. Licenziato da un prestigioso rivenditore tedesco, la Great Stuff Records, nella prima stampa il singolo si arricchisce del remix realizzato da Extrawelt. Da subito un successo di vendite, Torch è attualmente all’ennesima ristampa grazie alle numerose richieste da parte del mercato e all’apprezzamento di dj di fama mondiale. Sempre con il medesimo pseudonimo, Filippo registra Killing moon, in collaborazione con Edo B. (resident del Plastic di Milano) e, per la Gasoline record, il remix di Real good funky shit. Creazioni che manifestano la sua propensione ed apertura a melodie irrequiete, a ritmi e vibrazioni mai scontati, piuttosto caratterizzati da una personalità elegante e da uno stile originale.

Su richiesta della Revox Records Italia, incide il remix di City life in partnership con Andreino dei Mas collective: fondato su un rapporto di reciproca stima tra i due professionisti, questo primo progetto porterà Filippo a diventare produttore esecutivo in via continuativa per la Uomo records dello stesso Andreino. Il valore di questa proficua collaborazione è testimoniato inoltre dall’intensa e multiforme attività realizzativa: tra gli altri basti citare Losing you, album scritto nel ’88 che il dj inglese con lo pseudonimo Uncle Dog, decide ora di produrre e far remixare da Dino Lenny, dj Remo e Edo B.

Come risulta evidente dai brevi accenni sull’attività discografica, Filippo Nardi è personalità che ama bucare le frontiere tra i generi e i linguaggi, che cerca il confronto e l’imprevedibilità: proprio per questo continua a frequentare i locali più nascosti, quelli in cui sempre pulsa il gioco irregolare e sensualissimo della compenetrazione tra i corpi e i suoni, quelli in cui i ritmi graffiano e seducono la pelle. La fascinazione per i club, con la loro atmosfera ricca d’energia, è pertanto indice di un’attenzione viscerale alla dimensione musicale, da sempre centrale rispetto alle altre esperienze di Filippo nel mondo della comunicazione e dello spettacolo. Se la forte esposizione televisiva gli ha infatti offerto la possibilità di riproporsi come dj, la stessa lo ha obbligato per i primi tempi ad inserirsi in circuiti del mondo dei locali spesso distanti dalla sua predilezione per sperimentazioni sonore raffinate, capaci di corrodere ogni sentire noto.

Nella sua intenzione il dj set diviene fucina di trasformazione dei suoni e dei ritmi, snodo che allaccia, accelera, taglia, fonde ispirazioni e creatività. Ciò che infatti personalizza maggiormente il modo di suonare e di produrre di Filippo Nardi è il suo sentire il mondo dell’underground come una parte di sé, come un’essenza che innerva le scelte artistiche ed espressive, non qualcosa di acquisito, quindi, ma costitutivo rispetto al carattere e alla qualità del suo sound.

 

 

Contatti:

filipponardi@libero.it

 

 

BIO FILIPPO NARDI (The Melody Maker / Uncle Dog)

 

For more than 20 years Filippo Nardi has been djaying and producing records in europe and around the world. Born and raised in London he was surrounded from an early age by every type of musical influence appealing to his hightened sensitivity.

As the house movement was born in europe Filippo was already djaying with pioneers such as Paul Anderson, Dave Dorrell, C.J. Mackintosh, Danny Rampling and Paul Oakenfold in the capital’s underground “temples”, Heaven, The Wag, Cafe de Paris, Enter the Dragon, Subterrania, Westworld, Sunrise, Future and even in MK’s and the Sound Factory in New York and Pacia in Ibiza and Madrid.  He produced records for Virgin 10, Phonogram and FFRR under the name of The Universal Funk Industry and Love Inc.

In the early nineties he became jaded by the overcommercialisation of the underground house scene which he so loved and decided to move to Italy where he layed low until the. new millenium when he decided to start djaying and producing again.

This decision turned out to be a great success, he teamed up with Andreino(M.A.S. Collective) and founded UOMO Records as co-executive producer and A&R. A fresh new label promoting Italian artists allowing them to express themselves freely.

He works as a djay in Italy and Spain appreciated for his respect of quality dance music and his understanding of the underground music scene.

His DJ sets ar transmitted regularly on Radio DeeJay, the most famous radio station in italy.

 

Recordings:

“I Really Love You” – The U.F.I. – Virgin Records – 1988

“Understand This Groove” – The U.F.I. – Virgin Records – 1989

“Love is the Message” – Love Inc. – Phonogram Records – 1989

“RGFS” Remix – Gasoline Records – 2005

“Torch” – The Melody Maker – Revox Records/Great Stuff – 2005

“Killing Moon” – The Melody Maker – Tenax Records – 2006

“City Life” Remix – Revox Records – 2006

“Bring on the Night” – The Melody Maker – Revox Records – 2006

“Losing You ” – Uncle Dog – UOMO Records – 2007

“I Don’t Care” – Uncle Dog – UOMO Records – 2007

 

Clubs:

Echoes – Misano

Mazoom – Sirmione

Toquville – Milan

Hollywood – Milan

Kursaal – Lignano

Tenax – Florence

Frau Marlin – Torre del Lago

Maffia – Reggio Emilia

Chalet delle Rose – Bologna

Capannina – Biologna

La Crepa – Modena

Fluid – Bergamo

Zanzibar – Marina di Ravenna

Matilda – Marina di Ravenna

Plaza – Tortoreto

Ultraviolet – Teramo

Loft – Roma

Velvet – Napoli

Wish – Riccione

Gwendalina – Brindisi

Marabu – Taormina

Estasi – Sassari

Ambra – Olbia

Amnesia – Ibiza

 

 

 

 

 

“UOMO RECORDS” – la storia

 

Inserirsi nel panorama delle etichette internazionali con l’intento di portare in primo piano i produttori italiani di talento. Questo l’obiettivo della Uomo Records, label nata nel dicembre 2005 dalla ferma volontà di un dj, Andreino, di creare un’etichetta che non fosse una semplice riedizione di tante altre realtà produttive, piuttosto un contenitore sfaccettato ed eclettico in cui esprimere le differenti personalità dei produttori e degli artisti. È proprio grazie a questo che i diversi approcci alla composizione ed alla realizzazione convivono generando percorsi sonori mai banali. Manipolato, trasformato, esaltato, il suono costruisce architetture acustiche capaci di ospitare differenti stili e molteplici pubblici: ogni prodotto della Uomo records è un viaggio, un gioco di corrispondenze ed adrenalina che oscilla tra la passione e il divertimento.

Andreino e Filippo Nardi (co-produttore), che coprono anche il ruolo di A&R, delineano da subito il carattere della label: curiosità, attenzione ad ogni dettaglio, utilizzo di tutti i più innovativi canali di promozione e presentazione, con particolare riguardo per internet. Il web garantisce infatti visibilità ai prodotti della Uomo records mediante l’utilizzo di network di digital download come Beatport, comunità online come Second Life e spazi di social networking quali Myspace. Le tecnologie di rete rispondono efficacemente all’esigenza del mercato musicale contemporaneo di snellire ed accelerare i rapporti tra i produttori e gli artisti: così bastano alcuni clic negli appositi ambienti virtuali per consegnare i demo direttamente all’etichetta o per entrare in contatto con i responsabili della produzione .

Il percorso che la label italiana intende delineare è pertanto ampio ed audace, poiché offre spazi di autonomia senza ingabbiare i collaboratori in binari predefiniti, ma offrendo loro la possibilità di innesti e sperimentazioni seguendo molteplici soluzioni espressive e stilistiche. Tutto converge verso la valorizzazione delle singole identità e delle idee più cariche di energia: dal progetto iniziale al final touch, ogni step della creazione e della produzione viene seguito e incentivato con passione e competenza. Proprio per questo si aprono collaborazioni di riguardo con dj e produttori di indiscusso valore artistico :

 

Andrea Doria

Buck

Dino Lenny

DJRemo

Kriss

Limo

Luca Bacchetti

Margot

Moom

Roger

RIcky montanari

Sandro Russo

Southern Alliance

 

 

 

L’importanza basilare conferita alla qualità del prodotto è ribadita dall’impegno volto a fare di ogni copertina un evento visivo accattivante ed originale, una “melodia cromatica” che colpisca lo sguardo insieme all’udito. La relazione che intercorre tra la musica e la cover è infatti salda e orientata a creare degli stili estetici che accompagnino ed identifichino i differenti produttori. Ecco perché la Uomo records si affida a diversi studi grafici, evitando di adagiarsi su una singola collaborazione, ricercando preferibilmente prospettive plurali.

In ogni fase progettuale, quindi, la label italiana si conferma come connettore di canali multi-comunicativi, connettore poliritmico che dilata e moltiplica le differenti esperienze creative: fastforward ►►.

 

 

“THE STORY OF UOMO RECORDS” – ITALY

 

The label was set up primarily to re-introduce Italian producers and artists into the international panorama. This objective is the brainchid of dj and producers Andreino(M.A.S. Collective/Dumb Daddies) and Filippo Nardi(The Melody Maker/Uncle Dog). Born in 2005, UOMO Records takes pride in an ecclectic and experimental approach to its artists allowing them to express themselves freely without having to conform to a specific ‘label sound’ and in this way creating a wider pubblic appeal.

Each UOMO records release is nurtured with the utmost attention, from the choice of sounds used to the grafics on the record sleeve, maintaining a high allround quality.

Andreino and Filippo, the co-executive producers and A&R, use all the current means of promotion and distribution, My Space, Second Life and Uomo is one of the few Italian labels available for download on Beatport.

This way they can accelerate promotion and distribution allowing for an immediate effect and reaction from the virtual market place.

It is no surprise that UOMO Records is enjoying international success maintaining the identity of a ‘modern’ record label managed with passion and ability due to over 40 years of recording experience between Andreino and Filippo.

 

 

UOMO RECORDS ARTISTS:

Edo “LoZio” B.

Dumb Daddies

Uncle Dog

Andrea Doria

Buck

Dino Lenny

DJRemo

Kriss

Limo

Luca Bacchetti

Margot

Moom

Roger

RIcky montanari

Sandro Russo

Southern Alliance